ARCHEOSTORY MAGAZINE

La Roma di marmo, la "pietra" degli imperatori

Foro di TraianoIl volume dell'archeologo Patrizio Pensabene tratta del “fenomeno” del marmo a Roma e nell’Impero romano, di cui segue l’uso e i significati ideologici e di prestigio ad esso connessi attraverso una ben documentata esemplificazione di monumenti “marmorizzati”, rappresentativi del potere imperiale e delle classi dirigenti

Il volumePer la comprensione di tale fenomeno vengono altresì illustrati l’organizzazione delle cave statali con i relativi sistemi di appalto ricostruiti attraverso le sigle sui blocchi, il trasporto dei marmi testimoniato dai carichi naufragati nel Mediterraneo e nel Mar Nero e, infine, i grandi depositi di Roma ai piedi dell’Aventino (“Marmorata”) e di Porto, dove sono stati rinvenuti centinaia di blocchi di cava non ancora utilizzati.

Fondamentale è anche la ricostruzione che qui si offre delle officine specializzate nella lavorazione dei manufatti marmorei, attive sia presso le cave, sia nelle città con economia basata sul marmo (Atene, Afrodisia), sia nelle grandi capitali imperiali presso cui si erano formate maestranze dedite alla scultura di statue, di sarcofagi, di arredi domestici e alla produzione di lastre marmoree per i rivestimenti parietali e pavimentali. Il volume è arricchito da appendici che raccolgono specifici documenti archeologici e letterari e da indici delle fonti antiche, delle iscrizioni, delle località e delle “cose” notevoli.

IL LIBRO - Patrizio Pensabene, "I marmi nella Roma antica", Carocci (99 euro).