×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 544

ARCHEOSTORY MAGAZINE

Ventidue mausolei monumentali, lungo un tracciato di 50 metri di antico basolato perfettamente conservato. E' la necropoli romana tra la fine del II secolo a.C. e la fine del II d.C, lungo la via Prenestina antica, venuta alla luce tra via Tor Tre Teste e l’attuale via Prenestina, durante gli scavi preventivi della Soprintendenza archeologica. Rivenute anche quattro epigrafi
Alcune testimonianze di arte rupestre investigate il mese scorso in una grotta dell'Oasi di Farafra (Egitto occidentale) hanno rivelato che quella regione del Sahara Orientale e' stata intensamente popolata circa 8mila anni fa da gruppi che erano soliti spostarsi anche su lunghissime distanze. Sono le conclusioni cui sono giunti i membri della missione archeologica nell'Oasi di Farafra
Nolli per iPhone porta una delle più belle mappe di tutti i tempi sul vostro smartphone: la Pianta Grande di Giambattista Nolli, pubblicata nel 1748, prima vera rappresentazione cartografica basata su criteri scientifici. La Nuova Pianta di Roma è un’opera di 36 fogli, dei quali 12 compongono la Grande Pianta di Roma
Una squadra di archeologi della Repubblica ceca ha portato alla luce ad Abusir lo scheletro di un funzionario governativo di primo livello, denominato Nefer, con diverse carichei nel palazzo reale e nel governo durante il regno re della quinta  dinastia, Nefereer-Ka-Re LUXOR: IL MINISTRO DEL FARAONE / LA TOMBA DEGLI AMULETI
Tre ceppi di ancore in piombo di epoca romana sono stati recuperati recentemente a largo di Torre Castelluccia, nella marina di Pulsano (Taranto), grazie alla collaborazione tra il Servizio Subacqueo della Soprintendenza e la Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza  
Terme maschili e femminili, una stazione di posta e un luogo di culto, alla confluenza delle arterie che nutrivano Roma, la via Portuensis e la via Campana, strade sulle quali viaggiavano tonnellate di anfore con olio, granaglie, sale, tessuti e tutte le importazioni necessarie a una città che in fase imperiale raggiunse un milione di abitanti