ARCHEOSTORY MAGAZINE

Osservatorio di La Silla

 

Un osservatorio astronomico precolombiano è stato scoperto nel cuore del deserto dell’Atacama, in Cile. Una serie di incisioni rupestre sembrano testimoniare un’antica capacità di guardare le stelle. Le iscrizioni sono databili intorno alla metà del I millennio della nostra era, ad opera degli El Molle, un popolo precolombiano che frequentava la zona quando ancora vi scorreva un corso d’acqua

La tomba

 

Una missione archeologica ceca ha scoperto la tomba di Khentkaus III, una regina della V dinastia faraonica, risalente a circa 4.500 anni fa. Lo spettacolare ritrovamento è avvenuto nella zona di Abu Sir, sede di una necropoli egizia nei pressi del Cairo

La scultura del dio Horus

Ritrovata la scultura del dio Horus, nei pressi della Palestra, probabilmente il complesso monumentale più enigmatico dell’antica residenza di Adrianoe che le ultime scoperte sembrano legare il luogo ancora di più al mondo delle divinità egizie alla luce dei ritrovamenti degli ultimi anni

La testa maschile in terracotta che dovrebbe raffigurare Voltumna così come è stata ritrovata

Un tempio di grandi dimensioni e una testa maschile in terracotta (in origine policroma), a grandezza naturale e su base dello stesso materiale, che secondo i primi accertamenti potrebbe identificarsi con Voltumna, divinità suprema del pantheon etrusco

La scoperta a Frattocchie (Roma)Ritrovato a Frattocchie, vicino Roma, il cosiddetto caposaldo B, uno dei due pilastri utilizzati nel 1855 dall'astronomo italiano Angelo Secchi (1818-1878) per determinare la "misura del mondo". La scoperta si deve a un gruppo di ricercatori italiani, coordianti dall'Università di Rorma Tre e segue quella del caposaldo A avvenuta nel 1999

La testa al momento della scoperta (Foto La Repubblica)La scoperta ad Aranova all'interno di una monumentale villa romana. Gli archeologi sembrano avere pohi dubbi. L'effige raffigurerebbe Giulia, la figlia di Augusto, avuta dalla moglie Scribonia. La testa, a grandezza naturale, era nascosta in una zolla di terra, ritrovata in un grande ambiente della villa che fungeva da magazzino di conservazione per il cibo

Il sarcofago degli sposiUna ricerca sul Dna ricavato da resti ossei di oltre duemila anni fa potrebbe mettere la parola fine alla questione, dibattutta sin dall'antichità, sull'effettiva origine degli Etruschi. Dalle ultime scoperte sembrerebbe che non siano arrivati dall'Anatolia, ma abitassero invece la penisola. Ma è davvero l'epilogo di questo avvincente problema?

Non sono più dubbi. Le ossa rinvenute in un parcheggio a Leicester sono quelle del famoso sovrano. La conferma dal Dna e dalle datazioni al Carbonio 14. Gli esperti dell’università di Leicester hanno sottoposto i resti del corpo a diversi tipi di analisi, sempre più approfonditi. Ricostruito anche il volto del sovrano

VIDEO LO SCAVO | L'IDENTIFICAZIONE

L'antica città di HierapolisTrovata  a Hierapolis nella regione dell'antica Frigia la via d'accesso agli inferi. La missione italiana ha rinvenuto i resti del cosidetto Plutonium. Il mistero svelato dopo anni di ricerche seguendo il l racconto di autori dell'Antichita' come Cicerone e ricostruendo il percorso di una sorgente di origine vulcanica

Benito MussoliniSepolto venti metri sotto Palazzo Venezia il rifugio segreto di Benito Mussolini. Scoperto per caso, liberando uno scantinato adibito a deposito documenti della Soprinetendenza per i Beni Artistici. Sotto i faldoni la botola d'accesso agli ambienti sottorrenaei, nove vani in cemento armato, di circa 80 metri quadrati

Pagina 3 di 10