ARCHEOSTORY MAGAZINE

Il torso della statua (foto Pasquale Rizzo)La "rocca con il tempio di Minerva", dove secondo Virgilio approdò Enea dopo la caduta di Troia, potrebbe essere in Salento. Nei giorni scorsi a Castro un gruppo di archeologi guidati da Amedeo Galati ha rinvenuto una statua mutila femminile di grandi dimensioni

La tombaUna tomba ancora intatta, risalente alla fine del VI sec. a.C. è stata ritrovata nella Salina grande, a Taranto, da due giovani ed esperti archeologi, Patrizia Guastella e Andrea Pedone, che sorvegliavano i lavori della costruzione del secondo lotto della Tangenziale sud di Taranto, in corrispondenza del collegamento con la strada provinciale 100 per la nuova base navale

Il repertoIl recipiente risale a circa 2.400 anni fa, all’epoca dei Messapi, un’antica popolazione dell’Illiria. La scoperta a Maduria, nel tarantino, in una tomba che conteneva i resti di un uomo e una donna, datata tra la fine del quarto e il terzo secolo a.C.

Torre CastellucciaTre ceppi di ancore in piombo di epoca romana sono stati recuperati recentemente a largo di Torre Castelluccia, nella marina di Pulsano (Taranto), grazie alla collaborazione tra il Servizio Subacqueo della Soprintendenza e la Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza