×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 544

ARCHEOSTORY MAGAZINE

I due scheletriUn uomo e una donna abbracciati, uno accanto all'altro da quasi seimila anni. Un ritrovamento straordinario che data gli amanti al periodo Neolitico. Il ritrovamento durante gli scavi davanti l'ingresso Nord della Grotta di Alepotrypa, letteralmente Buco della volpe, nel Peloponneso meridionale

Lo scavoUna necropoli micenea utilizzata a partire dal XV secolo a.C. circa e' stata scoperta da un gruppo di archeologi dell'Universita' di Udine nei pressi della citta' greca di Eghion, nella regione dell'Acaia, nel Peloponneso nord-occidentale. Il ritrovamento e' avvenuto nel corso degli scabi che l'equipe ha condotto nell'ambito di una missione archeologica internazionale

Ossa e ceramica dai corredi funerari (Università di Udine)Sepolture micenee intatte, databili tra XV e XIV secolo a.C., con corredi di ceramica e attrezzi in metallo, e una sorta di altare funerario per rituali come libagioni e offerte di culto su cui venne deposto un defunto. Sono le principali scoperte della quinta campagna di scavi presso Eghion, in Grecia, condotta dagli archeologi dell'università di Udine

Saranno quasi certamentei i resti ossei scoperti nella sepolutra a risolvere fli enigmi che ancora aleggiano sull'imponente monumento funebre riportato alla luce lo scorso agosto nella località di Kastà, presso Amfipolis (Grecia settentrionale)