ARCHEOSTORY MAGAZINE

Riccardo III, trovato il corpo del re

Non sono più dubbi. Le ossa rinvenute in un parcheggio a Leicester sono quelle del famoso sovrano. La conferma dal Dna e dalle datazioni al Carbonio 14. Gli esperti dell’università di Leicester hanno sottoposto i resti del corpo a diversi tipi di analisi, sempre più approfonditi. Ricostruito anche il volto del sovrano

VIDEO LO SCAVO | L'IDENTIFICAZIONE

Lo scheletro al momento della scoperta

La "R" è il punto dove scavare. Si è proprio sotto quel posto riservato in un parcheggio di Leicester che gli archeologi hanno rinvenuto la sepoltura del sovrano. All'inizio poteve aessere un semplice scheletro, ma poi le indagini hanno portato alla clamorosa scoperta.

Un’iniziale esame dello scheletro ha subito mostrato una spina dorsale fortemente deformata da una scoliosi giovanile, proprio quello che si sarebbe aspetto di vedere sui resti del Riccardo, gobbo e storpio dall’adolescenza. Il corpo inoltre, secondo le analisi forensi, presentava numerose ferite, otto solo sul cranio, compatibili con una morte in battaglia e la sua età secondo l’archeologo Jo Appleby era vicina ai 30 anni. Riccardo è morto a 32.

La conferma defintiva è arrivata dal Dna e dal Carbonio 14. L’ analisi del Dna mitocondriale estratto da denti e ossa ha mostrato una sovrapposizione con quello di Michael Ibsen, discendente della sorella di Riccardo III, Anna di York. La datazione radiometrica ha chiuso il cercjio: i resti si datano tra il 1455 e il 1540.

Dunque è lui, il "malvagio" sovrano, uccisore di bambini, emblema del tiranno per antonomasia. Lo scheletro appartiene a Riccardo III di York. Il corpo ora avrà una nuova sepoltura, probabilmente nella cattedrale di Leicester.