ARCHEOSTORY MAGAZINE

La birra dei faraoni

Il birrificioUna bella "bionda" egiziana. Cinquemilacinquecento anni dopo una missione archeologica polacca ha ricostruito una fabbrica di birra dell'antico Egitto, con un modello 3D. Alla base dell'esperimento il rinvenimento di un'antico "birrificio" nel sito di Tell el Farcha. La birra per secoli ha rappresentato uno dei prodotti più importanti dell'agricoltura egiziana

La fabbrica della birra di Tell Farcha si compone di tre pozzi. L'intera struttura, con il piano che ricorda un trifoglio, era circondata da un muro alto fino a 60 cm.  Lo scopo di questa soluzione era probabilmente di migliorare la circolazione dell'aria, nonchè un più efficace controllo della temperatura. L'ipotesi di ricostruzione ha mirato anche allo studio dei materiali impiegati, identifciati con una serie di mattoni realizzati con fango, mescolati a pula, e poi cotti. 

Per secoli, la birra è stato un prodotto primario nella dieta degli antichi egiziani. La più antica menzione è una stele con una lista merci rinvenuti nella tomba di  Sekherhabaut, risalente alla terza dinastia. Ma la tradizione della birra sarebbe ancora più remota. Il birrificio fino a oggi più antico si trova a Hieraconpolis, ed è rferito alla cultura Nagada, nel periodo pre dinastico. 

La scoperta degli archeologi polacchi è la prima di questo tipo  nel sito di Tell el-Farcha, sul Delta oreintale del Nilo.  L'insediamento è rimasto in vita iper quasi 1000 anni (ca. 3700-2700 aC). Prima era un importate centrodella cultura del Basso Egitto, quindi un importante centro di potere durante la formazione dello stato unitario. I più preziosi repertii includono statue dorate di un sovrano e suo figlio, il deposito tempio con figurine