ARCHEOSTORY MAGAZINE

I "murales" dei Maya

L'affrescoUn team di archeologi delle università di Valencia (Spagna) di San Carlos (Guatenala) ha scoperto il primo affresco maya fino a oggi noto, vicino al sito archeologico di La Blanca nel nord del Guatemala , pochi chilometri dal  confine con il Belize, nel Palazzo di Chilonche. Risale all' ottavo secolo, il periodo Tardo Classico, e si è conservato in modo eccezionale
 

L'affresco"E ' una straordinaria scoperta a causa delle informazioni che fornisce, sia storicamente che da un punto di vista delle tecnica pittorica"  ha detto Cristina Vidal,  direttore scientifico del progetto archeologico. I Maya hanno usato pigmenti naturali per creare i colori brillanti. Il più famoso - Maya blu - è  ancora oggi oggetto di studio da parte degli scienziati, curiosi di conoscere i suoi componenti,  principalmente indaco e un minerale di argilla bianca chiamato palygorskite.

Gli affreschi recentemente scoperti comprendono alcuni elementi di blu Maya. Il colore dominante è il rosso, fatto mescolando macinato fino di ossido di ferro con acqua. Lo sfondo bianco è stato realizzato con calce bianca, mentre i neri e i grigi sono stati ottenuti con carbone vegetale. Il giallo con la goethite, un minerale a base di idrossido di ferro. Sono rappresentati uomini adulti, donne e bambini, molti dei quali recano dei nomi.  L'identificazione delle figure è una delle priorità del team di archeologi. I dipinti mostrano persone di classi sociali differenti, mentre portano un'offerta a un personaggio di rango. Si pensa che la scena raffiguri un evento storico.