ARCHEOSTORY MAGAZINE

News
media/k2/items/cache/15d406f06ce12f2ac57cb5137d1afc69_XL.jpg

Taranto, la tomba della donna con lo scettro

Una tomba ancora intatta, risalente alla fine del VI sec. a.C. è stata ritrovata nella Salina grande, a Taranto, da due giovani ed esperti archeologi, Patrizia Guastella e Andrea Pedone, che sorvegliavano i lavori della costruzione del secondo lotto della Tangenziale sud di Taranto, in corrispondenza del collegamento con la strada provinciale 100 per la nuova base navale
media/k2/items/cache/bebada99aaa9847746eea59472544575_XL.jpg

Magna Carta, scoperta una nuova edizione nel Kent

Il documento è stato ritrovato nel Kent negli archivi della sede dell'History & Library centre. La pergamena scritta in latino - che il re d'inghilterra giovanni senzaterra fu costretto a concedere ai baroni del regno il 15 giugno 1215 - vale 10 milioni di euro perché è strappata e manca circa un terzo del testo
media/k2/items/cache/c07bdbd398dd4ac563358e095fc5d2e0_XL.jpg

Alla ricerca delle origini del culto di San Colombano

Il nove febbraio a Bobbio partirà il primo scavo archeologico nella navata centrale della Basilica dove è sepolto il Santo e a lui dedicata. Un team internazionale di archeologi indagherà per la prima volta le strutture sepolte più antiche del complesso monastico, raccontando ogni giorno in diretta quanto emerso dagli scavi. Le indagini rientrano nel progetto Making Europe: Colombanus and his Legacy che culminerà il 21 e 22 novembre 2015 con un convegno e una mostra
media/k2/items/cache/65672688a4f4c8a57ea38e20056bdce1_XL.jpg

Cangrade della Scala morì per avvelenamento

L'equipe di paleopatologia del professor Gino Fornaciari dell'Università di Pisa ha risolto un altro giallo del passato: a 700 anni di distanza, l'autopsia sul corpo mummificato di Cangrande della Scala, condottiero ghibellino e mecenate di Dante Alighieri deceduto improvvisamente a Treviso nel 1329, ha dimostrato che il signore di Verona morì per avvelenamento
media/k2/items/cache/92c3523de61d06eebdc515f2babb64b9_XL.jpg

Oetzi, scoperto un nuovo tatuaggio

Uno studio Accademia europea di Bolzano) identifica tutti i tatuaggi della mummia. Attraverso una tecnica fotografica non invasiva, i ricercatori dell’Istituto per le Mummie e l’Iceman dell’Eurac hanno identificato tutti i tatuaggi dell’Uomo venuto dal ghiaccio, scoprendo sul torace un tatuaggio mai notato prima LO STUDIO SUL JOURNAL OF CULTURAL HERITAGE
media/k2/items/cache/eb9b7452cdc806568d2312ea5614a301_XL.jpg

Taranto, scoperta una tomba del quarto secolo

Una tomba che risalirebbe al quarto secolo avanti Cristo è stata trovata ad una profondità di un metro e venti centimetri durante lavori di potenziamento della rete idrica a Taranto in via Oberdan. Si tratta di una tomba a semicamera con due lastroni di copertura
media/k2/items/cache/a28321ba8f3530fc856783a3123dd44c_XL.jpg

Cile, scoperto osservatorio precolombiano

  Un osservatorio astronomico precolombiano è stato scoperto nel cuore del deserto dell’Atacama, in Cile. Una serie di incisioni rupestre sembrano testimoniare un’antica capacità di guardare le stelle. Le iscrizioni sono databili intorno alla metà del I millennio della nostra era, ad opera degli El Molle, un popolo precolombiano che frequentava la zona quando ancora vi scorreva un corso d’acqua
media/k2/items/cache/9ad74ebcc3d83e86bcc0098026ed5e9f_XL.jpg

Villa Adriana, la casa del dio Horus

Ritrovata la scultura del dio Horus, nei pressi della Palestra, probabilmente il complesso monumentale più enigmatico dell’antica residenza di Adrianoe che le ultime scoperte sembrano legare il luogo ancora di più al mondo delle divinità egizie alla luce dei ritrovamenti degli ultimi anni