Sarcofago a lenos con leone e antilope, 270-280 d.C. Marmo bianco lunense, 101x96x10 cm Musei Capitolini, Palazzo Nuovo Roma, Italia © Foto di Zeno ColantoniLa mostra ai Musei Capitolini di Roma fino al quattro ottobre è il quarto importante appuntamento del ciclo “I Giorni di Roma”, progetto quinquennale di mostre che alterna esposizioni a carattere prettamente monografico (Ritratti. Le tante facce del potere, Costruire un Impero), a mostre dal taglio diacronico (L’Età della Conquista, L’Età dell’Equilibrio, L’Età dell’Angoscia), dall’epoca repubblicana fino all’epoca tardo-antica

Si tratta di un progetto nell’ambito del quale, da gennaio ad aprile 2015, il Teatro di Roma Capitale, in collaborazione con la Sovrintendenza ai Beni Culturali di Roma Capitale, presenta al pubblico un ciclo dedicato allo straordinario patrimonio storico, artistico, archeologico e monumentale di Roma. un ciclo strutturato in sei appuntamenti a cadenza quindicinale di grande rilievo (11 e 25 gennaio, 8 febbraio, 15 e 29 marzo, 12 aprile, alle ore 11.00)

La mostra

A Palazzo Massimo fino al due giungo la mostra che chiude il ricco programma di celebrazioni legate alla ricorrenza del Bimillenario augusteo promosso dalla Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma con Electa, anche editore del catalogo scientifico

La testa al momento della scoperta (Foto La Repubblica)La scoperta ad Aranova all'interno di una monumentale villa romana. Gli archeologi sembrano avere pohi dubbi. L'effige raffigurerebbe Giulia, la figlia di Augusto, avuta dalla moglie Scribonia. La testa, a grandezza naturale, era nascosta in una zolla di terra, ritrovata in un grande ambiente della villa che fungeva da magazzino di conservazione per il cibo

AugustoOrganizzata in occasione del bimillenario della morte (19 agosto 14 d.C.), la mostra - alle Scuderie del Quirinale fino al nove febbraio -  presenta le tappe della folgorante storia personale di Augusto in parallelo alla nascita di una nuova epoca storica
 

Il Mausoleo di Adriano, oggi Castel Sant’Angelo, dove si svolge fino al 27 aprila la mostra "Apoteosi. Da uomini a dei" è uno dei più grandi monumenti funerari. Ha ospitato le spoglie dell’imperatore Adriano e dei suoi successori fino a Caracalla, come prima il Mausoleo di Augusto aveva accolto le spoglie imperiali di Augusto e della sua gens

LA GUIDA DELLA MOSTRA

Rome MvrRome MVR è una nuova applicazione per visitare Roma attraverso il tempo, visualizzandone l'aspetto nelle varie epoche, grazie al sistema Time Window, un sistema MVR (Mixed Virtual Reality) che utilizza delle finestre temporali, permettendo di visualizzare lo stato di un sito archeologico, un’area urbana, un monumento, sovrapponendo le ricostruzioni 3D allo stato attuale dei luoghi

Foro di TraianoIl volume dell'archeologo Patrizio Pensabene tratta del “fenomeno” del marmo a Roma e nell’Impero romano, di cui segue l’uso e i significati ideologici e di prestigio ad esso connessi attraverso una ben documentata esemplificazione di monumenti “marmorizzati”, rappresentativi del potere imperiale e delle classi dirigenti

Gesú insegnò ai suoi seguaci che è piú facile che un cammello entri per la cruna di un ago, che un ricco nel regno di Dio. Eppure, con la caduta di Roma, la chiesa divenne sempre piú ricca e potente. Da parte del massimo studioso del mondo tardoantico, la storia economica, sociale e intellettuale della fine dell'età romana e dei primi secoli del cristianesimo

L'antica via PrenestinaVentidue mausolei monumentali, lungo un tracciato di 50 metri di antico basolato perfettamente conservato. E' la necropoli romana tra la fine del II secolo a.C. e la fine del II d.C, lungo la via Prenestina antica, venuta alla luce tra via Tor Tre Teste e l’attuale via Prenestina, durante gli scavi preventivi della Soprintendenza archeologica. Rivenute anche quattro epigrafi

Pagina 1 di 2
porn